.
Annunci online

Outlines
27 novembre 2009
Quell'amicizia somiglia a un flirt
fonte: Libero

Hai un collega carino? Qualcuno che non vedi l’ora di incontrare ogni giorno (e non è tuo marito o il tuo fidanzato)? Ecco come evitare di cadere nel tranello dell'amore clandestino, prima di rovinare tutto per un po’di batticuore extra…

C’è quel tuo collega molto carino e simpatico: ci chiacchieri volentieri, prendi il caffè con lui, a volte vi fate delle confidenze, spesso lo sorprendi a guardarti (e viceversa). E poi, anche se non lo ammetti nemmeno con te stessa, la mattina non vedi l’ora di incontrarlo. Tuo marito? Lo ami ancora, certo: questa è soltanto un’amicizia innocente, e in fondo flirtare un po’ non ha mai ucciso nessuno. Ci credi davvero? Se non vuoi mandare all’aria tutto per un po’ di batticuore extra, cerca di capire subito se ti stai spingendo troppo in là… Certo, piace a tutte sentirsi desiderabili e attraenti e ricevere complimenti, soprattutto se il proprio compagno non ve ne fa più come una volta. E così succede che ci si trovi invischiate in una situazione “pericolosa”.

Certi corteggiamenti, poi, non sono così espliciti: si comincia con un sorriso in più, si continua con qualche attenzione carina durante la pausa pranzo, si procede con un’osservazione maliziosa. Il tutto può durare mesi, ma state certe che la situazione prima o dopo esploderà. L’importante è rendersi conto esattamente di quello che si sta facendo, senza lasciarsi travolgere ciecamente dagli eventi. Se pensi che questa “amicizia speciale” stia mettendo a rischio il tuo matrimonio o la tua relazioneponiti queste domande.

- Saresti disposta a rinunciare a quest’affettuosa amicizia per salvare il tuo rapporto con il partner? Se la risposta è no, probabilmente sei già andata emozionalmente troppo oltre invadendo con l’altro lui campi che dovrebbero essere riservati alla coppia.

- Se il tuo partner vedesse come ti comporti con l'altro in sua assenza sarebbe geloso e infastidito? C’è qualcosa che vi dite che non vorreste che lui sentisse? Se sì, e non avete sposato Otello, probabilmente lanciate ben visibili segnali di disponibilità al vostro amico

- Se il partner telefona mentre sei col tuo amico ti senti terribilmente in imbarazzo?

- Se il tuo amico speciale dovesse trasferirsi improvvisamente all’estero soffriresti? Se la sola idea ti fa venire il magone, vuol dire che non è nemmeno soltanto un flirt: probabilmente ti stai proprio innamorando.

A questo punto devi decidere: o ti butti in questa nuova avventura e vada come vada, ma prima meglio mettere le cose in chiaro con il partner, oppure – se credi non ne valga la pena - devi darci un taglio. La prima regola per riportare lo pseudo-flirt nei binari dell’amicizia è cercare di passare meno tempo possibile da sola con lui, cercando di mantenere le conversazioni in un ambito non troppo personale. Bene commentare la notizia del giorno, meno fare l'elenzo dei difetti del partner o descrivere l'ultimo acquisto di biancheria intima... E ricordatevi una cosa: spesso si finisce per flirtare quando ci si sente al sicuro (troppo?) nella propria relazione, ma con certe amicizie affettuose si sa da dove si comincia ma non dove si finisce.



permalink | inviato da Outlines il 27/11/2009 alle 13:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
2 ottobre 2009
Succede, succede e non ci puoi fare nulla...
di miky716

Un giorno come tanti mentre fai uno dei mille discorsi senza nemmeno darci troppa importanza ti accorgi che quegli occhi che appartengono alla persona che da tempo sta li ad ascoltarti o a raccontarti le storie della propria vita, ti guardano in maniera diversa. Che ti danno sensazioni diverse. All'inizio non sai, non capisci, non ci credi ma qualcosa dentro di te è cambiato.
Quella persona che prima ti faceva solo piacere vedere adesso ti manca. Diventi perfino un po' possessivo. Si insomma hai voglia di stare con lei e non accetti di buon grado che veda delle altre persone.
Se sono amiche perchè la possono allontanare da te, se sono amici....mmmhhhh che gelosia!
Vai in palla, non sai piu' che fare. Vorresti dirle tutto subito. Quello che desidereresti più di tutto è che lei in quel momento provi esattamente le tue sensazioni.
I dettagli diventano importanti. Un suo sorriso di fa star bene per tutta la giornata ma se lei per qualsiasi motivo non c'è devi fare i conti con la paranoia.
La cosa cresce, occupa sempre di più i tuoi pensieri e cambia il tuo atteggiamento verso di lei. Vorresti stringerla, vorresti stare con lei o andare ovunque ma sempre con lei al tuo fianco. Cominci a progettare, a pensare che forse, si perchè no, potreste essere una COPPIA, potreste godervi tramonti e cene a lume di candela. Potreste passare la domenica insieme, in bicicletta o passeggiando sotto braccio. Potreste "inciampare in un bacio all'improvviso". Tutto diventa chiaro, immediato ed evidente e non ti resta che parlarne con lei....Dio, che batticuore. Poi ti vengono le paure. E se lei invece.... E se avessi frainteso tutto ? E se il parlarle la allontanasse da me....Non ce la posso fare. Io ho bisogno di lei. Prendi coraggio e le parli. Un po' impacciato, un po' impaurito dalla sua reazione e ti dici che se lei è quella persona speciale che ti ha fatto innamorare, beh non puo' deluderti, non puo' ferirti, non puo' farti male. Ma sei sicuro di aver capito bene ?
Il finale ? Sicuramente a sorpresa e non prevedibile. Si rompe un equilibrio, viene meno una fiducia e anche stare vicini come prima non è più possibile. No, non è sempre così e non lo è per tutti....Per a me è successo così.
Adesso sono sereno ma quante lacrime sono dovute cadere prima di riprendermi!!!!!

()



permalink | inviato da Outlines il 2/10/2009 alle 17:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte



View Elisa Palmieri's profile on LinkedIn








IL CANNOCCHIALE